Letture, Benedetto XVI tutto da rileggere

Nuovi libri e riedizioni per conoscere davvero Benedetto XVI

Benedetto XVI
Foto: Vatican Media
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

"Quando passo momenti sconforto, di crisi, di buio, mi metto a leggere qualcosa scritto da Benedetto XVI e lentamente, ma inesorabilmente quelle ombre si disperdono, si sciolgono, tutto diventa più chiaro, sereno e l’animo si schiude  naturalmente alla speranza. E’ stata la mia ancora, la mia sicurezza. La mia roccia".

Tra i tanti messaggi, commenti, ricordi, analisi lette in questi giorni, dopo la scomparsa di Joseph Ratzinger, ci colpisce quanto ha scritto una religiosa e che abbiamo avuto modo di leggere sui social, sottolineando poi il fatto che il Pontefice è sempre stato in grado di rendere semplici, più comprensibili concetti “alti”, appartenenti spesso alla teologia “alta”, che così è uscita, per così dire, dai recinti sacri degli studiosi. Ed è venuto spontaneo pensare che questa esperienza la possiamo senza dubbio condividere, con moltissime altre persone sparse per il mondo. L’enorme eredità teologica, spirituale, umana che il Pontefice ha lasciato potrà essere valutata nel corso del tempo, ma intanto possiamo continuare a beneficare degli effetti della lettura di testi ratzingheriani  o che riguarda la sua vita, il suo pensiero, la sua azione pastorale.

 

Proprio in questi giorni sono in uscita molti libri che si inseriscono in questa linea. Come il volume  "La mia vita", rivisto e aggiornato in cui si snoda il racconto, in prima persona, della vicenda appassionante di un uomo divenuto papa, dagli anni della formazione fino al soglio pontificio. Ricordi, aneddoti, incontri che vanno dal 1927 al 1977, anno in cui Ratzinger viene nominato arcivescovo di Monaco e Frisinga. A questo punto il racconto autobiografico si interrompe, per far nascere, nei lettori, il desiderio di continuare a conoscerne la vita successiva e le opere.

Tutto ormai conoscono il testo del testamento spirituale lasciato ai fedeli da Papa Ratzinger, contenuta nel libro Nient’altro che la verità, edito da Piemme, scritto dall’arcivescovo Georg Gänswein, suo segretario fidato, e curato da  Saverio Gaeta, giornalista vaticanista di grande esperienza, di cui ci siamo occupati recentemente. "Rimanete saldi nella fede e non lasciatevi confondere!": così si potrebbe riassumere il senso di questo testamento. Non solo. Emerge da queste pagine un racconto dettagliato, puntuale e appassionato dei lunghi anni passati al fianco di una delle personalità più importanti della storia della Chiesa (e non solo)  del Novecento. Monsignor  Gänswein ha scritto la prefazione di un altro libro che “racconta”  gli ultimi dieci anni di Ratzinger vissuti come “Papa emerito”, che arriva in libreria il 25 gennaio con il titolo Ratzinger la scelta. Non sono scappato (Edizioni San Paolo) del vaticanista Orazio La Rocca, in cui vengono ripercorsi e documentati questi momenti particolari fin dai primissimi giorni fino alla triste e dolorosa vicenda che ha visto Ratzinger accusato di aver coperto un prete pedofilo quando era arcivescovo di Monaco e Frisinga.

 

Pee quel che riguarda i testi veri e propri, intanto da domani sarà disponibile il volume della Lev Dio è sempre nuovo che raccoglie (a cura di Luca Caruso) i pensieri spirituali di Benedetto XVI. Anche in questo caso papa Francesco ha scritto la prefazione, in  cui, tra le altre cose,   sottolinea che "la raccolta di pensieri spirituali che viene presentata in queste pagine  mostra la capacità creativa di Benedetto XVI nel saper indagare i vari aspetti del cristianesimo con una fecondità di immagini, di linguaggio e di prospettiva che diventano uno stimolo continuo a coltivare il dono prezioso dell’accogliere Dio nella propria vita". La profondità del pensiero di Joseph Ratzinger, "che si fondava sulla Sacra Scrittura e sui Padri della Chiesa ci è di aiuto ancor oggi".

Molta attesa c’è per il saggio, in uscita il 20 gennaio, pubblicato da Mondadori con il titolo Che cos’è il Cristianesimo. A conclusione della sua vita Benedetto XVI ha acconsentito a raccogliere le sue ultime riflessioni su alcuni temi fondamentali della religione cristiana. Testi scritti durante la sua permanenza nel Monastero Mater Ecclesiae in Vaticano e contiene inoltre alcuni saggi inediti. Tra i molti temi alcuni capisaldi del suo pensiero: l’importanza delle radici del cristianesimo, il rapporto tra cristiani ed ebrei e i rapporti tra le religioni.

Grandi temi, molto complessi, a cui si alternano  altri che delineano un “ritratto” meno noto di Benedetto XVI: ad esempio, il suo grande amore per la natura e il forte legame con l’Italia, dove in effetti Benedetto XVI ha trascorso gran parte della sua esistenza,  senza mettere in ombra l’amore per la sua terra di origine. Ancora un’occasione per ritrovare il conforto di una parola chiara, autentica e colma di vera speranza. 

 

 

Georg Gänswein, Nient’altro che la verità, edizioni Piemme, euro 19

 

Benedetto XVI,  Che cos’è il Cristianesimo, edizioni Mondadori, a cura di Elio Guerriero, euro 19, pp.192

 

Dio è sempre nuovo che raccoglie (a cura di Luca Caruso), edizioni Lev, pp.144, euro 13

 

Joseph Ratzinger, La mia vita, edizioni San Paolo, pp.218, euro 16

 

Orazio La Rocca, Ratzinger la scelta. Non sono scappato, edizioni San Paolo, pp.320, euro 25

 

 

Ti potrebbe interessare