L'ex cardinale McCarrick ridotto allo stato laicale

Theodore McCarrick. Credit: Chip Somodevilla / Getty Images News
Previous Next
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

La notizia era nell'aria da giorni, ma da adesso è ufficiale. L'ex cardinale Theodore Edgar McCarrick, Arcivescovo emerito di Washington, è stato ridotto allo stato laicale.

McCarrick è stato riconosciuto colpevole dalla Congregazione per la Dottrina della Fede dei delitti di sollecitazione in Confessione e violazioni del Sesto Comandamento del Decalogo con minori e adulti, con l’aggravante dell’abuso di potere. Il Santo Padre ha riconosciuto la natura definitiva, a norma di legge, di questa decisione, la quale rende il caso res iudicata, cioè non soggetta ad ulteriore ricorso.

McCarrick - 88 anni - nel luglio scorso, ha presentato la rinuncia al cardinalato. Una rinuncia accolta immediatamente dal Papa.

Contestualmente Francesco aveva "disposto la sua sospensione dall'esercizio di qualsiasi ministero pubblico, insieme all'obbligo di restare in una casa che gli verrà indicata, per una vita di preghiera e di penitenza, fino a quando le accuse che gli vengono rivolte siano chiarite dal regolare processo canonico".

Era dal 1927 che un cardinale non rimetteva il proprio zucchetto nelle mani del Papa: era successo al Cardinale Louis Billot con Papa Pio XI.

McCarrick è nato a New York il 7 luglio 1930 ed è stato ordinato presbitero nel 1958 dal Cardinale Spellman.

Il 24 maggio 1977 Papa Paolo VI lo ha nominato vescovo ausiliare di New York, ed è stato consacrato dal Cardinale Arcivescovo Terence James Cooke.

Nel 1981 diventa vescovo di Metuchen e nel 1986 Giovanni Paolo II lo promuove Arcivescovo di Washington. Lo stesso Giovanni Paolo II lo trasferisce nel 2000 a Washington. Un anno dopo avviene la creazione a cardinale, con l'assegnazione del titolo presbiterale dei Santi Nereo e Achilleo.

Papa Benedetto XVI nel 2006 accetta la sua rinuncia per raggiunti limiti di età.

Ti potrebbe interessare