Abusi: gli inviati di Papa Francesco in Cile per ristabilire la giustizia

Arcivescovo Scicluna
Foto: Arcidiocesi di Malta
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Gli inviati di Papa Francesco sono arrivati ​​in Cile il 12 giugno per "ripristinare la giustizia e la comunione ecclesiale" nel Paese, colpito dagli scandali degli abusi sessuali da parte del clero nei confronti di minori. Monsignor Charles Scicluna, Arcivescovo di Malta, e il Vescovo Jordi Bertomeu, rimarranno in Cile fino al 19 giugno. Entrambi saranno ospiti della Nunziatura Apostolica a Santiago del Cile e visiteranno anche la diocesi di Osorno.

Il 12 giugno, in una conferenza stampa della Nunziatura apostolica, l'Arcivescovo Charles Scicluna ha spiegato che questa missione pastorale vuole essere un "segno della vicinanza del Papa al popolo e alla Chiesa in Cile".

Il Prelato ha detto che parte del suo lavoro sarà "fornire assistenza tecnica e legale per la curia diocesana del Cile, in modo che si possano dare risposte adeguate ad ogni caso di abuso sessuale di minori commesso da religiosi o religiosi".

L'11 giugno, Papa Francesco ha accettato le dimissioni del vescovo di Osorno, vescovo Juan de la Cruz Barros Madrid; Mons. Cristián Caro Cordero, Arcivescovo di Puerto Montt; e Mons. Gonzalo Duarte García de Cortázar, vescovo di Valparaíso. Queste sono state le prime tre dimissioni accettate dal Santo Padre dopo che i 34 vescovi cileni che lo hanno incontrato a Roma, dal 15 al 17 maggio, per affrontare i casi di abusi sessuali in Cile, hanno rimesso le loro sorti "nelle mani" del Santo Padre

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare