La Chiesa cattolica in Germania va verso lo scontro con Roma ?

Lo sviluppo del Cammino sinodale fino alla provocazione della benedizione delle coppie dello stesso sesso

La più recente riunione del Cammino Sinodale svolta on line per motivi sanitari
Foto: www.synodalerweg.de
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Che cosa succede questa sera in Germania? Sfidando il "no" del Vaticano alle benedizioni delle unioni omosessuali nella Chiesa cattolica, un certo numero di sacerdoti e operatori pastorali in tutta la Germania tiene cerimonie di benedizione per le coppie dello stesso sesso.

Una provocazione con lo slogan "#liebegewinnt" ("l'amore vince”), e l’idea di benedire tutti gli “innamorati”. 

La questione entra nel dibattito nato nel “Cammino sinodale” che si sta celebrando in Germania e all’inizio del quale Papa Francesco aveva inviato una lettera 

Il presidente della Conferenza episcopale  tedesca il vescovo Georg Bätzing afferma che la Chiesa in Germania è rimasta vicina a Roma, nonostante le tensioni sulle benedizioni dello coppie dello stesso sesso, la intercomunione, il sacerdozio femminile e la discussa autorità del "Cammino sinodale" del paese.

Ma la provocazione non piace neanche a Bätzing che preferisce invece far emergere dal “Cammino Sinodale” una decisione. La questione è anche nel metodo di voto che di fatto permetterebbe ad una parte di vincere senza avere una vera unanimità su temi delicati come questi. 

Alle parole di Bätzing rispondono Helmut Hoping, professore di teologia dogmatica presso l'Università di Friburgo, che parla di “tendenze scismatiche” nella Chiesa in Germania, osservando che “in diversi settori della dottrina e della disciplina ecclesiastica, la comunione con il Papa viene interrotta, ad esempio quando i sacerdoti violano il chiaro 'no' della Congregazione per il Dottrina della fede alle benedizioni delle coppie dello stesso sesso, che è stata pubblicata con l'approvazione del Papa, e quando i vescovi dichiarano in anticipo di tollerarla generosamente o dichiarano tali benedizioni teologicamente possibili e pastoralmente necessarie ”.

Così anche Padre Gero Weishaupt, vicario giudiziario dell'arcidiocesi di Colonia, ha detto che l'ex prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, l cardinale Gerhard Ludwig Müller e altri da tempo hanno messo in evidenza il rischio di uno scisma nella Chiesa cattolica dalla Germania “e ci si può chiedere se non sia già latentemente realizzato”.

Diversi vescovi tedeschi si sono precedentemente espressi a favore delle benedizioni per le unioni omosessuali, tra cui Overbeck, il presidente della conferenza episcopale Georg Bätzing (Limburg), Helmut Dieser (Aachen), Reinhard Marx (Monaco e Freising), Franz-Josef Bode (Osnabrück), Peter Kohlgraf (Mainz) e Heinrich Timmerevers (Dresden-Meissen).

Ma altri vescovi hanno accolto con favore l'intervento della Congregazione per la Dottrina della Fede, Tra questi ci sono Rainer Maria Woelki (Colonia), Stephan Burger (Friburgo), Ulrich Neymeyr (Erfurt), Gregor Maria Hanke (Eichstätt), Wolfgang Ipolt (Görlitz), Stefan Oster (Passau) e Rudolf Voderholzer (Ratisbona).

La Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) ha pubblicato il 15 marzo un "Responsum ad dubium" in risposta alla domanda: "la Chiesa ha il potere di dare la benedizione alle unioni di persone dello stesso sesso?" La CDF ha risposto, "Negativo", delineando il suo ragionamento in una nota esplicativa e nel commento di accompagnamento.

A questo punto sarà interessante vedere dapprima l’esito della iniziativa #liebegewinnt” e soprattutto lo sviluppo del “ Cammino sinodale” e le eventuali reazioni dei vescovi in Germania e della Santa Sede. 

 

 

Ti potrebbe interessare