Papa Francesco, al Sinodo sull' Amazzonia si parlerà di evangelizzazione

Europa, migrazione e salvaguardia del creato in una intervista di Papa Francesco

Papa Francesco durante l'Udienza Generale
Foto: Daniel Ibánez - ACI Group /EWTN
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Europa, ambiente, Sinodo sull’Amazzonia. Papa Francesco ne parla in una intervista di taglio politico rilasciata a Vatican Insider la testata de La Stampa fino a pochi mesi fa diretta da Andrea Tornielli oggi direttore editoriale del Dicastero vaticano per la comunicazione.

Sul tema europeo il Papa ripete la necessità di combattere l’indebolimento dovuto a “problemi di amministrazione, di dissidi interni. Ma bisogna salvarla” e aggiunge che la sfida principale è il dialogo. A a proposito dei “sovranismi” dice: “La sovranità va difesa, ma vanno protetti e promossi anche i rapporti con gli altri paesi, con la Comunità europea. Il sovranismo è un’esagerazione che finisce male sempre: porta alle guerre”.

Sulla questione della migrazione il Papa sottolinea che “il continente africano è vittima di una maledizione crudele: nell’immaginario collettivo sembra che vada sfruttato. Invece una parte della soluzione è investire lì per aiutare a risolvere i loro problemi e fermare così i flussi migratori”.

E per risolvere la integrazione occorre “Creatività. Per esempio, mi hanno raccontato che in un paese europeo ci sono cittadine semivuote a causa del calo demografico: si potrebbero trasferire lì alcune comunità di migranti, che tra l’altro sarebbero in grado di ravvivare l’economia della zona”.

Parlando del Sinodo il Papa dice che “e’ “figlio” della “Laudato si’”. Chi non l’ha letta non capirà mai il Sinodo sull’Amazzonia. La Laudato si’ non è un’enciclica verde, è un’enciclica sociale, che si basa su una realtà “verde”, la custodia del Creato”. E aggiunge che le questioni principali “saranno i ministeri dell’evangelizzazione e i diversi modi di evangelizzare”. E della politica  in quell’ area dice che deve “eliminare le proprie connivenze e corruzioni”.

Infine cita Greta Thunberg, e conclude: “Ho visto un loro cartello che mi ha colpito: “Il futuro siamo noi!” e consiglia la raccolta differenziata.

Ti potrebbe interessare