Papa Francesco incontra i primi ministri di Bulgaria e Macedonia del Nord

Udienza tradizionale per la festa dei Santi Cirillo e Metodio. In mattinata, la Messa nella Basilica di San Clemente della delegazione bulgara, domani quella per la delegazione macedone

Il primo ministro di Macedonia del Nord (sopra) e di Bulgaria (sotto) all'incontro di oggi con Papa Francesco, 23 maggio 2022
Foto: Vatican Media / ACI Group
Facebook Twitter Google+ Pinterest Addthis

Come tradizione per la festività dei Santi Cirillo e Metodio secondo il calendario giuliano (il 24 maggio), Papa Francesco ha ricevuto i primi ministri di Bulgaria e Macedonia del Nord. Sono incontri diversi da quelli tradizionali, bilaterali destinati più al dialogo ecumenico che alle relazioni tra Stati, che comunque sono implicati, tanto i che i due primi ministri hanno successivamente avuto un bilaterale in Segreteria di Stato con il Cardinale Pietro Parolin.

Così, il primo ministro di Bulgaria Kiril Petkov e quello di Macedonia del Nord Dimitar Kovačevski hanno incontrato Papa Francesco, ognuno per circa 15 minuti di colloquio.

Kovačevski ha portato in dono una copia di una porzione dell’Eulogia di Clemente da Ocrida, un rosario in filigrana con perla di Ocrida e un disco con le opere di Vlatko Stefanovsk. Il riferimento ad Ocrida non è casuale, dato che Ocrida è  anche il luogo del Prespa Forum, forum dipomatico che quest’anno dovrebbe vedere la partecipazione dell’arcivescovo Gallagher, ministro degli Esteri vaticano. Anticamente arcidiocesi ortodossa bulgara, di cui è santuario nazionale e internazionale, lì c'è la sede della Chiesa ufficiale della Macedonia settentrionale, che proclamò l'autocefalia nel 1967. L'arcidiocesi di Ocrida non è una continuazione dell'antica diocesi ortodossa, ma piuttosto  un riutilizzo del suo nome nel dialogo tra la Chiesa serba e il clero separatista della Chiesa ufficiale della Macedonia settentrionale, al fine di trovare una soluzione alla disputa sulla nome della chiesa locale. 

Nella delegazione, come di consueto, c’era un rappresentante della Chiesa Ortodossa Macedone. Questa ha proclamato la sua autocefalia negli anni Sessanta, ma solo quest’anno è stata accolta nella sinassi ortodossa. Per questo, fino ad ora i contatti con la Santa Sede sono avvenuti non in incontri ecumenici, ma all’interno di incontri bilaterali.

Il Primo Ministro della Bulgaria ha portato un presepe in panno di lana realizzato dal Centro “Natività di Cristo”, legato all’Esarcato Apostolico Cattolico di rito bizantino-slavo a Sofia, e un tappeto tradizionale Chiprovtsi.

Consueti i doni di Papa Francesco: la medaglia del pontificato, i volumi dei documenti papali, il Messaggio per la Pace di quest’anno, il Documento sulla Fratellanza Umana, il libro sulla Statio Orbis del 27 marzo 2020

In mattinata, c’è stata Divina Liturgia nella basilica di San Clemente, a Roma, dove c’è la tomba di San Cirillo, officiata dal Metropolita Antonio, e domani sarà la delegazione della Macedonia del Nord ad organizzare una preghiera di ringraziamento a San Clemente. Nello stesso giorno, la Chiesa Ortodossa Bulgara terrà una divina liturgia in Basilica Vaticana, per il secondo anno consecutivo, a testimoniare la vicinanza ecumenica ormai raggiunta.

Quest'anno la delegazione bulgara comprende lo scrittore Georgi Gospodinov, che ha vinto il più prestigioso premio per la letteratura in Italia - "Premio Strega Europeo", oltre al Presidente dell’Accademia di Stato bulgara Julian Rewalski, il Ministro delle Finanze Asen Vassilev, il Vice Ministro della Gestione Efficace Kalina Konstantinova, Ministro degli Esteri Teodora Genchovska, Ministro dell'Istruzione Nikolay Denkov, Lena Borislavava, Capo dell'Ufficio politico del Primo Ministro, Yana Balnikova, Consigliera del Primo Ministro e rappresentanti del Santo Sinodo e della Chiesa cattolica in Bulgaria.

La delegazione della Macedonia del Nord comprendeva Bujar Osmani, Ministro degli Affari Esteri, Oliver Spasovski, Ministro degli Affari interni, Kostadinovska Stojcevska, Ministro della Cultura, Martin Popov, Capo del Gabinetto del Primo Ministro, Ana Andreeva, Segretario per le Comunicazioni, le Relazioni Pubbliche e il Protocollo, Darijan Sotirovski, Direttore della Commissione per i Rapporti con le Comunità Religiose, Nikola Jankulovski, Rettore dell'UKIM, Pimen Ilievski e Josif Todorovski, Metropoliti della Chiesa Ortodossa Macedone, il vescovo di Skopije Stojanov e Marija Efremova, Ambasciatore della Repubblica della Macedonia del Nord presso la Santa Sede.

Ti potrebbe interessare